Magazine

IOTA: la DLT come risposta sull'anticontraffazione dei beni di lusso

Uno degli scenari applicativi del Distributed Ledger Technology - DLT di IOTA è la tanto ricercata tracciabilità dei prodotti sulla catena di approvvigionamento o supply chain, sia per i beni di consumo che per i beni di lusso.  

In questo senso, sia le soluzioni offerte utilizzando le DLT sia la blockchain possono essere usate nella lotta alla contraffazione dei prodotti di lusso, ma anche per la valorizzazione della filiera di qualità rispetto i prodotti di consumo a basso costo 

LDLT di IOTApermissionless e feeless (senza restrizioni per la partecipazione alla rete e senza commissioni sulle registrazioni), è stata integrata a degli hub per la realizzazione di un modello dedicato alla supply chain che garantisce: 

  •  identificazione sicura del prodotto; 
  •  registrazione delle fasi del processo produttivo; 
  •  raccolta di informazioni di logistica; 
  •  certificazione dell’avvenuta vendita. 

Per i beni di lusso, in particolare, l’utilizzo della rete IOTA nel modello permette di provare la loro autenticità, combattendo le pratiche criminali di contraffazione.  

 

Missione trasparenza e decentralizzazione dei dati   

 

Uno dei requisiti fondamentali per l’efficienza di un modello di tracciabilità dei prodotti è la trasparenza, sia per la registrazione dei dati sia per la loro diffusione. Le DLT pubbliche (o permissionless e trustless) possono aiutare i produttori ad aprire i dati della supply chain ai loro clienti. Memorizzare questi dati su ledger distribuiti permette a qualsiasi cliente di accedervi da app dedicata o con una semplice interfaccia web, senza la necessità di alcun dettaglio di log-in o condivisione di dati personali. 

Per i prodotti ad elevato valore è possibile utilizzare dispositivi crittografici del tutto equivalenti alle carte di identità elettroniche. Essendo impossibili da duplicare, impediscono la creazione di cloni dotati di una identità valida.  

Non solo, un altro requisito importante per garantire l’autenticità dei beni è la decentralizzazione della rete su cui vengono registrati. Infatti, quando le informazioni vengono fornite ai clienti attraverso una piattaforma centralizzata, spesso sono state aggregate da numerosi attori della catena di approvvigionamento e filtrate attraverso un intermediario. Questo processo aumenta i rischi di manomissione o di informazioni false e l'autenticità dei beni non può essere provata se non c'è fiducia nell'autenticità dei dati utilizzati per provarla. 

La decentralizzazione dei processi di raccolta dei dati è la vera innovazione portata dai DLT. Il vantaggio concreto e tangibile consiste nella sensibile riduzione dell’importanza di server e storage di dati centralizzati che, oltre a rappresentare un costo, sono il punto di attacco ideale degli hacker. La pubblicazione dei dati (in modo pubblico o riservato) sul registro distribuito li rende al contempo più facilmente accessibili alle controparti operative e maggiormente protetti da attacchi e furti.

Si ottengono non solo evidenti risparmi economici per un ridotto rischioda cui derivano anche minori necessità di strumenti di sicurezza (firewall, VPNe simili), ma soprattutto si annulla il rischio difficilmente gestibile di attacchi attuati attraverso la debolezza del “fattore umano”: la maggior parte dei furti o manomissioni di dati avviene infatti grazie alla complicità, quasi sempre involontaria, di chi all’interno dell’organizzazione ha particolari privilegi per attuare l’attacco. Decentralizzando i processi e pubblicando i dati su migliaia di sistemisi aumenta drasticamente con costi marginali l’impegno economico di un tentativo di furto o manomissione dei dati.  

IOTA garantisce l'integrità dei dati memorizzandoli su un libro mastro distribuito che è di facile accesso e disponibile a tutti ma non alterabile 

La DLT di IOTA, il Tangleè ideale per queste micro-transazioniquindi anche per la registrazione e diffusione dei dati che si ottiene con transazioni che non spostano valoreproprio per la sua natura feeless e permissionless. 

 

La soluzione IOTA per l’identità digitale dei prodotti 

 

La soluzione IOTA per l’identità digitale dei prodotti è già stata testata da alcune società software specializzate in IoT (Internet of Things) e in gestionedi dati e identità digitali in un cloud IoT "smart product". 

Ecco un esempio della sua applicazione 

dati raccolti e collegati all'identità digitale di un prodotto vengono memorizzati in una piattaforma. Allo stesso tempo, un hash (ad esempio SHA256) relativo al dato viene memorizzato nel Tangle IOTA. Questo hash viene timestampato” (dall’inglese time-stamped, in italiano marcatura oraria) diventa immutabile. Così, una volta che un prodotto digitalizzato finisce nelle mani dei consumatori, la sua identità digitale può essere istantaneamente letta con uno smartphone e tutti i dati rilevanti appariranno sullo schermo. 

Per essere sicuri che questi dati siano reali e non una nuova versione alterata, il consumatore può confrontare con un'applicazione sul cellulare l'hash dei dati ricevuti con quello già calcolato dal Tangle di IOTA. Se i due corrispondono, i dati sono autentici. 

Per semplicità, questo viene eseguito da un'app dedicata al consumatore. Tuttavia, grazie alla natura aperta di IOTA, i consumatori possono anche utilizzare altri strumenti di loro scelta, esplorando manualmente lo IOTA Tangle attraverso tool web già esistenti e indipendenti.  In questo modo,  i produttori  il gestore della piattaforma possono ripudiare i dati allegati ai loro prodotti, contribuendo al mantenimento dell’integrità dei dati.

CLICCA QUI per scaricare i White Paper: IOTA 2.0 superare il trilemma della blockchain

Condividilo su: